Costone della Starza

Nell’ottica di una riqualificazione generale del tratto di costa che da Pozzuoli raggiunge Arco Felice, e di un suo riutilizzo ai fini del recupero, del rapporto tra la città di Pozzuoli e il mare, il risanamento del costone, la sua messa in sicurezza e la sua valorizzazione sono rinaturalizzazioni essenziali nell’ambito di un progetto integrato che riguarda il riassetto di un territorio straordinario per le sue qualità estetiche e per la ricchezza del suo patrimonio storico e culturale.

Agli interventi di sistemazione, messa in sicurezza, e riassetto ambientale del costone della Starza, attraverso opere “sostenibili” che utilizzino fondamentalmente le tecniche di ingegneria naturalistica, con azioni di rinaturalizzazione dei pendii e di integrazione della vegetazione con essenze idonee, si affiancheranno operazioni di valorizzazione e rifunzionalizzazione: un nuovo sistema di fruizione realizzato attraverso un percorso pedonale e ciclabile che attraversi tutto il costone con un andamento e un carattere legati agli elementi naturali; una passeggiata suddivisa in tratti successivi che saranno, di volta in volta, più panoramici o più legati a specifiche funzioni di tipo culturale, nei punti in cui sono presenti reperti archeologici, o di svago in aree specificatamente attrezzate, o, ancora, di collegamento tra le aree a monte e a valle in modo da costituire anche un vero e proprio sistema alternativo di mobilità per tutta l’area.

Luogo /location

Pozzuoli, Napoli, Italia

committente /client

Copin spa

progetto /architectural design

Od’A-Officina d’Architettura srl

architetti /architects
archh. Bruno Discepolo, Alessandra Fasanaro, Giovanni Aurino

design team-collaboratori /design team-collaborators
Vincenzo Fiorillo, Fabrizia Costa Cimino, Maria Scognamiglio

programma /plan
Risanamento, messa in sicurezza, valorizzazione ambientale e paesaggistica del costone della starza a Pozzuoli, Napoli

calendario /timetable     

Studio di fattibilità

2009

importo opere /budget

€ 5.850.000,00

 

 

 

Comments are closed.

  • Facebook
  • LinkedIn
  • Instagram
  • Twitter
  • Flickr